Arrivano i nostri – puntata 1

Una storia, satirica beninteso, per spiegare la cooperazione a chi la vede da fuori. Un giorno, guardando il telegiornale CNN, Bill Gates apprende che c’è crisi in Italia e che c’è molta disoccupazione, con molte famiglie vicine alla soglia di povertà. Siccome il signor Gates è uomo di comprovata anima caritatevole, e tiene molto a cuore il paese italiano in cui ha venduto milioni di prodotti, decide di fare qualcosa per il Belpaese, per aiutare così tanta gente in diffcoltà, mettendoci naturalmente i suoi soldi. Per prima cosa, siccome il business è il suo pane, crea la sua Fondazione che decide di chiamare HPAIF (HP American Italian Friendship), per fare in modo che il brand HP venga distintamente riconosciuto. Chiama …

Continue reading

Lavorare nell’umanitario. Storie vere, per cominciare

Di recente ho ricevuto ancora qualche messaggio di persone che vogliono un pò provare a muovere i primi passi nel settore dell’umanitario e della cooperazione allo sviluppo. Ognuno viene con un percorso diverso, giovani o meno, lavoratori o meno, ma spesso con una motivazione in comune: cambiare percorso verso una direzione più etica e sostenibile, per gli altri e per sé. Fa piacere senza dubbio vedere che il sociale, e l’umanitario in particolare, rivestono ancora una certa importanza, specialmente in momenti di crisi economica e, mi vien da dire, societaria. Forse sono anche un pò i cliché che a volte coprono il settore dell’umanitario che spingono la gente a volersi addentare nel settore: avventura, contatto con la gente, bei posti, …

Continue reading

Lavorare nell’umanitario: 5 anni dopo

Qualche settimana fa ho realizzato che sono 5 anni che son partito, sola andata e niente contratto,con destinazione Burkina Faso per farmi strada nel mondo dell’Umanitario. Il Burkina è durato 16 mesi, senza soste nè vacanze ma buoni frutti. Subito dopo il Burkina infatti atterro a Uvira, un paesotto in Est Congo dove resto 1062 giorni (si, li ho contati) cioè quasi tre anni lavorando prima con una ONG francese, poi per una italiana. Il Congo era diventato un pò il mio incubo e quello di tanti in cui ci sono passati … tanta era la paura di non riuscire a partire. Finito il lungo periplo congolese comincia un vai-e-vieni cominciato dal Burundi (3 mesi), Giordania (2 mesi) e Afghanistan …

Continue reading