Katanga business, parte 3

Lubumbashi mi ricorda molto Bobo Dioulasso, forse per via del suo reticolato di strade regolari, i viali alberati, il suo profilo piatto o le case dal sapore coloniale. Come a Bobo manca solo il mare ma qui hanno trovato una soluzione: di un piccolo laghetto hanno fatto il centro di attrazione del weekend, dopo lo stadio del Mazembe naturalmente. Un centro commerciale, due piscine, un campo di beach volley e un po’ di sabbia, qualche bar con veranda, tutto molto chic e money-spending oriented. Sull’onda del business minerario la città si sta trasformando rapidamente grazie anche alla sua posizione che offre parecchi scambi con l’estero. Molto giovani preferiscono andare a Johannesbrug, più vicina che Kinshasa per esempio; e Lusaka, la …

Continue reading

Katanga Business, parte 2

Faccio subito l’unica uscita prevista sul terreno: un sopralluogo nella vicina cittadina di Likasi, uno dei poli minerari della provincia. La strada per arrivarvi è unica, una delle migliori mai viste in Africa. Larga, asfaltata di fresco, con linee bianche e scoli ai lati e in poco meno di due ore si percorrono i 120 km che separano Likasi da Lubumbashi. In mezzo pochi villaggi e tante deviazioni che portano a depositi, siti minerari e siti di lavorazione. Attraversiamo la cittadina (che sa molto anche lei di frontiera) per arrivare in un quartiere periferico ad incontrare un membro della rete di prevenzione messa in piedi da un’organizzazione belga. Prevenzione da cosa? Prevenzione del lavoro dei bambini e degli adolescenti nelle …

Continue reading

Katanga Business, parte 1

Non tutto è perduto in questo ritorno in RDC. Il soggiorno sempre piacevole a Bukavu a casa Salesse, senza staff e noie da gestire, l’Orchid’s come ufficio, la visita inedita a Kalehe e ora è il momento di visitare il Katanga, esattamente l’opposto del Kivu, così dicono. Il routing del volo prevede un primo stop a Kalemie, villaggione di pescatori sul Tanganika, che ha poco davvero da offire se non uno spettacolo di laguna in atterraggio. Il tempo di un caffè e si riparte per la base militare di Kamina, sorvolando il vastissimo altipiano della provincia katangese, una savana piatta che quasi ricorda il Masai Mara, se non fosse che è molto più verde. Kilometri e kilometri senza niente, manco …

Continue reading