Facce da Congo

Zacar è un artigiano d’ à peu près 42 ans, originario di Bukavu. Ha cominciato a fabbricare chitarre acustiche all’età di 22 e da allora ne è il più conosciuto ed apprezzato produttore nel Kivu. Nonostante tutto vive nell’anonimato, sarà perchè forse in zona un fucile costa un quarto e rende meglio. Il suo atelier è una camera di 3m x 3m in una mansarda nel compound di un centro di formazione professionale. Negli anni ha formato giovani di quartiere, vagabondi e illitrati alla falegnameria e alla produzione artigianale di chitarre e bassi. Ora gli fanno tutti concorrenza anche se nessuno ha saputo approfittare dell’esperienza ricevuta. Si dedicano tutti a chitarre di bassa leva, fatte in latta o legno di …

Continue reading

Katanga business, parte 3

Lubumbashi mi ricorda molto Bobo Dioulasso, forse per via del suo reticolato di strade regolari, i viali alberati, il suo profilo piatto o le case dal sapore coloniale. Come a Bobo manca solo il mare ma qui hanno trovato una soluzione: di un piccolo laghetto hanno fatto il centro di attrazione del weekend, dopo lo stadio del Mazembe naturalmente. Un centro commerciale, due piscine, un campo di beach volley e un po’ di sabbia, qualche bar con veranda, tutto molto chic e money-spending oriented. Sull’onda del business minerario la città si sta trasformando rapidamente grazie anche alla sua posizione che offre parecchi scambi con l’estero. Molto giovani preferiscono andare a Johannesbrug, più vicina che Kinshasa per esempio; e Lusaka, la …

Continue reading

Katanga Business, parte 1

Non tutto è perduto in questo ritorno in RDC. Il soggiorno sempre piacevole a Bukavu a casa Salesse, senza staff e noie da gestire, l’Orchid’s come ufficio, la visita inedita a Kalehe e ora è il momento di visitare il Katanga, esattamente l’opposto del Kivu, così dicono. Il routing del volo prevede un primo stop a Kalemie, villaggione di pescatori sul Tanganika, che ha poco davvero da offire se non uno spettacolo di laguna in atterraggio. Il tempo di un caffè e si riparte per la base militare di Kamina, sorvolando il vastissimo altipiano della provincia katangese, una savana piatta che quasi ricorda il Masai Mara, se non fosse che è molto più verde. Kilometri e kilometri senza niente, manco …

Continue reading